La leggenda racconta che il Serprino sia originario del Carso e che fu da lì importato nel territorio dei Colli Euganei da Livia, imperatrice romana consorte di Augusto, che lo riteneva il suo vino preferito.

Caratteristiche

  • Vino frizzante di colore giallo paglierino, con venature verdognole
  • Profumo fresco, delicato, piuttosto fruttato
  • Sapore morbido, allegro, secco e talvolta leggermente abboccato
  • Grado alcolico: 11%
  • Va servito alla temperatura di 6°C/8°C
  • Produzione : (1997) 2137,72 ettolitri

Questo post è disponibile anche in: Inglese


E voi dove vi piace andate, acque turbamento del vino, andate pure dagli astemi: qui c’è il fuoco di Bacco.

Catullo

Enoteche
dove degustare il serprino seguiti da professionisti Vai
Ristoranti
Agriturismi